Adriano Banchieri e la tiorba in sol

Banchieri_conclusioniLo scorso sabato ho posto a Massimo una domanda stupida: perché la tiorba sia accordata un tono sopra l’accordatura del liuto rinascimentale, dunque in LA.
Massimo si è lanciato in una dettagliata spiegazione concernente il fatto che, a prescindere dall’ovvia comodità delle tonalità disponibili sulla tiorba accordata in LA, lo strumento esisteva anche in sol, anche se ciò viene spesso ignorato nell’utilizzo attuale della tiorba.
Pochi giorni dopo – simpatica coincidenza! – compariva sulla lista dei liutisti francofoni una domanda concernente il Libro primo di arie passeggiate (Dresda 1623) di Johann Nauwach e le indicazioni del basso continuo, che sembravano richiedere un chitarrone accordato in SOL.
Ovviamente non ricordavo più il trattato citato da Massimo a Venezia (ahimé), ma ho immediatamente postato la risposta sull’esistenza di tiorbe in sol.
Da un dotto membro della lista succitata è prontamente giunta la citazione di Adriano Banchieri e delle sue Conclusioni nel suono dell’organo (1609) che a pagina 53 indica chiaramente un chitarrone in SOL.
La stessa pagina di Banchieri offre naturalmente un interessante spunto per altre riflessioni organologiche, ad esempio:

  • il primo coro non è necessariamente accordato un ottava sotto, ma “come piace”;
  • il secondo coro non è accordato un’ottava sotto;
  • il Chittarrone (sic) ha 13 cori.

Ringrazio Dimitri Goldobine per la citazione e i riferimenti al fac-simile di Banchieri e Jean-Marie Poirier (che forse ricordate come liutista nel ben noto film Tous les matins du monde) per la copia della pagina 53.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *