La foto di un liuto è una cosa, il suono un’altra…

Moto_0060Sembra una banalità, ma purtroppo mi ci è voluto parecchio tempo per imparare quello che ogni singolo liutista (professionista) mi è andato ripetendo negli ultimi tre anni: non si può comperare un liuto da una foto.
Per fortuna non l’ho fatto, visto che la foto sembra particolarmente bella.
In un post di qualche settimana fa segnalavo che sarei andato a provare questo liuto, visto che mi sarei trovato nelle vicinanze per motivi di lavoro.
Ho anche mostrato le foto a Jakob Lindberg durante il nostro viaggio in auto da Torino a Trossingen e lui mi ha immediatamente fatto notare che la forma non lo convinceva granché.

Ora posso serenamente dire che avevano tutti ragione, anche Jakob 🙂
Il liuto è molto più bello in fotografia che quando lo si ha tra le mani. Nonostante sia piacevolissimamente leggero, è purtroppo rifinito in modo più che frettoloso, possiede un volume di suono limitato ed inaccettabilmente povero sulle frequenze basse.

Peccato, però. Ho tenuto la sua foto sul mio iPhone per ben due mesi.

2 pensieri riguardo “La foto di un liuto è una cosa, il suono un’altra…”

  1. Ciao Luca, mi dispiace per il liuto non all’altezza con le aspettative. Però ho visto che il liutaio produce anche chitarre barocche (sono sullo sfondo della tua foto). Le hai provate? Visto che hai avuto tra le mani quella di Lindberg puoi dire se sono valide e che prezzi hanno?
    Ciao
    Nicola

  2. La trentennale (1979) chitarra barocca di Jakob, costruita da un a me ignoto nome inglese, suona TALMENTE BENE, che ogni confronto fatto durante la settimana di Trossingen è risultato un po’ deludente.
    Certo in trent’anni uno strumento costruito bene e suonato meglio cresce, tuttavia…
    Non conosco i prezzi, purtroppo.
    Grazie per il commento,
    Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *