Corde basse in budello appesantito

Peruffo_loaded2Traggo spunto dall’interessante e-mail di Anthony Hind dedicata a Mimmo Peruffo e alle sue corde di budello appesantito.
Non ho ancora ricevuto il mio nuovo liuto barocco e dunque (grrrrr!) non posso esprimere un parere personale sui risultati raggiunti dalla ricerca di Mimmo.

Tengo però a segnalare qui la sua pagina dedicata alle corde basse in budello appesantito che come sempre è ricca di esempi iconografici e rimanda al significativo articolo pubblicato sul Lute Society of America Quarterly, Vol. XXIX n° 2, May 1994, pp.5-14 e disponibile on-line.

2 pensieri riguardo “Corde basse in budello appesantito”

  1. Brr… questa foto mi mette i brividi!!!
    Ma veramente era possibile suonare strumenti come quello ritratto in questa foto, le cui corde al capotasto sono talmente vicine tra un coro e l’altro che sembrano essere equidistanti?
    Ti suggerisco un argomento di per un tuo prossimo post. Perché non parli della larghezza della tastiera dei liuti al capotasto in relazione al numero delle corde?
    Ho letto da qualche parte che alcuni liutai hanno ben pensato che forse la corporatura e la statura degli uomini che vivevano 5 secoli fa fosse più minute delle nostre e che quindi riproporre acriticamente copie filologiche di liuti conservatisi rischi di produrre strumenti insuonabili. Io ho le mani grandi e uno strumento come questo non credo che riuscirei a suonarlo, a meno di non affusolarmi le dita col temperamatite…
    Ciao
    Nicola

  2. Hai ragionissima, Nicola!
    Nel nostro gruppo abbiamo avuto (e tuttora abbiamo) lunghe discussioni coi liutai che insistono a costruire manici “da mandolino”!
    Io ho delle mani piuttosto grandi e suono decentemente solo con una distanza tra i cori adeguata.
    Ma non è assolutamente vero solo per me: Massimo per primo si fa sostenitore della misura delle distanze che ha ricevuto a sua volta da Hopkinson Smith e rifiuta persino di provare liuti con microdistanze.
    Appena ho un pizzico di tempo scriverò qualcosa sull’argomento: sappi che la maggior parte degli strumenti interessanti che ho visto passare sulle varie pagine dedicate agli annunci avevano appunto QUEL problema. E le rare volte in cui ho domandato che il venditore mi fornisse le misure ho dovuto dipoi declinare l’acquisto.
    Ciao,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *