Repetita iuvant

Una breve nota per ripetere quando mi sembrava di aver già ampiamente chiarito in questo post: non importa se vengono astutamente venduti sotto un altro nome, i liuti pakistani sono da evitare!

  • Non rispettano le misure dei liuti storici
  • Sono molto pesanti
  • La lunghezza della corda vibrante non è assolutamente proporzionata alle dimensioni dello strumento
  • Le catene della tavola armonica non sono corrette

Se ciononostante avete già acquistato un tale strumento, Vi consiglio di rivolgervi a un liutaio paziente per farvi sostituire la tavola armonica e verificare l’azione dello strumento. In questo modo investendo più o meno la cifra che avete già speso per il cosiddetto liuto pakistano otterrete uno strumento comunque suonabile.
Certo le conseguenze sono evidenti: con il totale investito nell’operazione avreste potuto acquistare un vero liuto da studio.
Gli errori si pagano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *